una Favola vera

…c’era
come nelle favole
una volta
ma questa è una storia vera senza re e reggine
un vecchio albero di carrubo dalla fronda bellissima imponente
sotto la sua ombra 3 panchine di ferro avevano posto
e
oltre
a perdita d’occhi tra i dirupi scoscesi degli iblei calcari
erano solo campi d’altri carrubi e seminati e filari di ficodindia
che le case del paese
finivano

e lì era il solo possibile rifugio per 2 teneri innamorati
che
nelle notti calde
furtivi
usciti dalle case paterne

pudichi
che altro non avevano coraggio di fare e protetti
dallo scuro della notte e del carrubo
si scambiavano i loro intensi sospiri d’amore mani nelle mani e
al raro passante
ignaro degli innamorati che
impensabile era potessero esserci
sembrava
fossero
sospiri
magici
dell’albero
e tutto il paese ne era incantato…

come il gatto ci lascia lo zampino a forza di provarci
così i 2
finirono scoperti
da uno
che la curiosità spinse a vedere meglio
e furono
per giorni
le risa di tutto il paese a infrangere l’incanto…

però
resse
e nella memoria di tutti
ancora oggi
un secolo dopo e molto più
le 3 panchine
senza più l’ombra del carrubo e nel cuore del paese ora
da tutti sono indicate ‘a maccia ‘o suspiru…

l’albero dei sospiri… l’incanto d’amore mai cessato

7 pensieri su “una Favola vera

  1. pensiero Teologico

    …nella colpa è insita la pena
    nelle opere buone il merito
    nella misericordia la salvezza

    la comunione con Dio è tanta più forte
    quanto più il merito prevale sulla pena e
    viceversa

  2. pensiero Materiale

    nelle opere è la vita immortale
    sia in quelle buone
    che nelle cattive

    tutti gli altri sono nell’eterno anonimi
    privi di individualità
    nuvolo indistinto di tutti che furono

  3. pensiero Contingente

    …conto i giorni
    e lo scorrere del tempo ignoto
    attendo

    scorata attesa in
    tanto
    silenzio

  4. pensiero Notturno

    …nelle notti
    che siano di lune o tenebre peste è
    veglia certa

    piovono luce i lampioni la via
    grondano
    sinché l’alba ogni cosa spegne della sua altra luce

  5. Se questi pensieri tuoi mi si riferiscono, allora ti dico che nulla di ciò è, ma solo il MIO senso di colpa e il troppo lavoro di una settimana ormai morta…

    La storiella, invece, come tutte le altre tue, mi è piaciuta un sacco e -come le altre- mi fa chiedere chi tu veramente sia, perché ne conosci troppe…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...