Fuori tema

Una mia amica porta sempre con sé una borsa nella quale tiene i suoi lavori all’uncinetto, non meno di 3 o 4 in corso di lavorazione. Lo fa per occupare il tempo nei momenti di attesa che non mancano mai sia in casa che fuori; per il piacere di creare piccoli capi di abbigliamento per i suoi 2 nipoti o pupazzetti per divertirli; per ornare la sua casa di centrini, tende, bordure e merletti ma anche le case di parenti e amici. È un’alternativa al libro in borsa che tanti come me utilizzano quando c’è da attendere per forze maggiori.

Il chiacchierino può essere come l’uncinetto della mia amica. La tecnica, però, e i merletti ottenuti sono differenti e caratteristici di questa lavorazione. Per chi è pratico di cucito con ago e filo, il punto del chiacchierino è l’analogo del punto occhiello che orna appunto gli occhielli di camicie, giacche e cappotti; una volta anche dei pantaloni maschili. Apprendere la tecnica dei merletti al chiacchierino è semplice e in rete trovate tutte le istruzioni per acquisire e approfondire le poche manualità che occorrono.

Scoprirete che si lavora con spolette e filato di cotone ben ritorto. Filati sottili creano merletti più delicati. Lo spessore del filato è ininfluente nelle difficoltà di lavorazione. Il lavoro cresce affiancando una successione precisa di nodi doppi. Se le istruzioni indicano 5n (nodi), si realizzano 10 nodi singoli. Occorre quindi continuamente contare il crescere dei nodi per sapere dove terminare. Da qui il termine “chiacchierino” dato a questa tecnica, perché chi la esegue sembra che chiacchieri continuamente con se stesso.

Con una sola spoletta si creano solo merletti per bordure di tovaglie e lenzuoli.

Per creare centrini o altri ricami complessi occorrono 2 o più spolette.

Con una spoletta si creano i petali. Con due gli archi. Questi fanno avanzare il lavoro secondo il disegno che si vuole realizzare. Petali e archi sono poi impreziositi da piccoli occhielli (pippiolini) che hanno anche il compito di ancorare i diversi elementi della composizione. Per l’ancoraggio occorre l’uncinetto.

Realizzando piccoli ricami a 2 spolette (mattonelle) ci si impratichisce subito del percorso da seguire per iniziare il lavoro e portarlo a termine. Occorre avere spirito critico per evidenziare gli inevitabili errori nell’apprendimento da non commettere più. Petali e archi necessitano della giusta spoletta e del giusto verso di lavorazione, che si apprendono con l’esercitazione. Impratichiti, sarete idonei a realizzare merletti dalla visione di altri merletti o, se siete creativi, di inventare i vostri.

Alcuni centrini si realizzano con un unico inizio (una sola interruzione alla fine). Altri (come il centrino in figura) possono avere due o più inizi (e altrettante interruzioni per ciascuna fine). Se durante la lavorazione una spoletta esaurisce il suo filo, utilizzare il nodo del tessitore (in rete si trovano le istruzioni) per annodare i 2 capi.

La figura, presa dalla rete, è un esempio di un bel centrino realizzato col chiacchierino. È composto da 2 diverse mattonelle: 1 quadrata, ripetuta 5 volte; 1 stellata, ripetuta 4 volte. Si realizzano prima e separatamente le 5 mattonelle quadrate. Poi, realizzando le mattonelle stellate, col procedere del lavoro si ancorano ciascuna mattonella quadrata e le stelle secondo immagine.

Qui le istruzioni per il numero di nodi doppi e pippiolini per ciascun petalo e arco.

Quadrato

Inizia da un vertice composto da 3 petali:

1 piccolo 6n p 5n p 5n
1 grande 6n p 5n p 2n p 5n p 5n
1 piccolo 6n p 5n p 5n

poi prosegue:

1 arco 10n
1 petalo sotto 5n p 4n p 4n
1 petalo sopra 6n p 5n p 5n
1 arco 10n

ripetere da Inizia 3 volte ancora

riferirsi alla figura per gli agganci

Stella

Inizia da un vertice composto da 3 petali:

1 piccolo 3n p 2n p 2n p 2n p 2n
1 grande 3n p 2n ppp 2n p 2n p 2n ppp 2n p 2n
1 piccolo 3n p 2n p 2n p 2n p 2n

poi prosegue:

1 arco 7n
1 petalo 3n ppp 2n p 2n p 2n p 2n, o: 3n p 2n p 2n p 2n ppp 2n
1 arco 6n p 9n
1 petalo 3n p 4n p 2n p 2n p 4n p 3n
1 arco 10n p 5n
1 petalo o: 3n ppp 2n p 2n p 2n p 2n, o: 3n p 2n p 2n p 2n ppp 2n
1 arco 7n

ripetere da Inizia 7 volte ancora

riferirsi alla figura per gli agganci.

Beh, spero che la mia amica Judy e voi, cari lettori, non abbiate ad arricciare il naso per questo inserto fuori tema e spero anche di catturarvi in questa diversa arte creativa, che arricchisce di manualità e soddisfa la mente attraverso la vista e il tatto e il piacere di costruire.

PS: La mattonella quadrata, semplice da eseguire, è un ottimo esercizio per apprendere come muoversi correttamente per realizzare qualsiasi merletto col chiacchierino.

3 pensieri su “Fuori tema

    • Vero, molte pagine indietro ma non in prima pagina, mischiata, tra i tanti miei altri “fuori tema”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...