Comunque

Rosse lacrime sono le foglie
dopo l’oro d’autunno nel bosco.
Guardo il gelo che scende sul mondo,
strano correre presto al solstizio

 

Come i giorni miei gocciola foglia
nei giardini ormai intrisi d’inverno.
Prego che Qualchecosa ritorni
nell’avvento Tuo: vita rinasca

 

Un Bambino il presepe mio attende
strano re che si dona alla gente.
Sono quella che dorme di spalle
che Tu vieni a salvare.

Comunque

28.XI.2017

Versione inglese

Annunci

5 pensieri su “Comunque

  1. Già ho detto di dicembre, del natale annunciato, del precipitarsi la fine e di gennaio rifiorire di cima; ma di spalle? tu vegli! l’attesa, come me, vigile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...