precipitando

come
in culo all’inferno
ove lucifero penzola di piedi l’emisfero sud
incastrato di cintola
la terra sgomenta
tenendolo nella morsa ghiaccia
la testa di facce trina
l’orrida voragine dominando
sbranando
ciascuna bocca di fauci
bruto e giuda e cassio traditori
e dante
e virgilio
ai villi luciferi calandosi aggrappati
di là dal centro passati capovolgendosi
su per le gambe di lucifero arrampicandosi
l’emisfero che redenta conquistano
e a nuova vita anelano il cielo
così
io
il vortice del tempo
al suo finire
precipitato
m’aggrapperò all’ultimo per capovolgermi al primo
nuovo
vortice
di rinnovate
speranze

luminoso come sempre è ogni capodanno

3 pensieri su “precipitando

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...