Giovedì Santo

 

Crucifige! No, questo non dissi
ma l’abiura di Pietro e degli altri
è tessuto costante del giorno
mio, cemento del vuoto degli anni

Pianse amaro lui, Pietro, nell’orto
nella notte più buia del mondo.
Io dimentico in fretta e ridesto
risa futili e inutili e sciocche

Crucifige! Non chiodi, pensieri
ingiuriosi le spine che intesso
in corona di stolte pretese
d’esser ritta anche senza speranza

Giuda cadde e non seppe guardarti:
Tu morivi per lui, non soltanto
per il mondo schifoso degli altri.
Lo corrose la nera sua notte

Crucifige ritorna ogni istante
come colpo sui chiodi il martello
che ti vuole accessorio e io centro.
Così sporco l’azzurro del mondo

Giuda e Pietro conservo qui dentro
nel mio cuore che incespica e piange.
Tu sei Pasqua ma posso negarla:
fammi cieca e ridammi la vista

 

29.III.2018

Un pensiero su “Giovedì Santo

  1. Sabato di sconforto: noi si sa di domani, per questo è anche di silenziosa attesa; ma per i discepoli fu solo di sconforto, per non aver preso alla lettera ciò che era già annunciato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...