El merlu

Ho dimenticato la chiavetta con le mie robe francesi al lavoro: ne rientrerò in possesso marttedì, così finalmente potrò appiccicare qualcosa. Finalmente.

Nel frattempo, mi sono fatta aiutare da Giorgio nel cimento con la mia lingua, la lingua di mio padre e di mia madre, che però conosco tanto poco e che non so come si scriva. Amen.

Damm, Signur, el suris de chel merlu
che rispund inscì alegher al sonn
dela gesa che canta a Maria
cui campann ciar ne l’aria de màgg

I scurbatt sann pusé de noalter
me se vivv tucch i dì su sta tera
quand ravanenn cuntenti in de l’erba
verda e fresca de piova e de fresch

Mì sunn chi cuil mé fumm sul balcunn
che te cerchi nei quater cantuni
del mé sit: pensi al mund picininn
pien de rabia e me vardi urmai vegia

Cunti i sufranei intant che pisi
chesta pipa truada dal ziu
gemò mort, chel sta insema al mé pa
vers de Ti, indue stann tucch el temp

Forsi vedenn ‘sta poera gent
che se cupa e sa minga perché
forsi vedenn mi e i me gent
quant se cur e se perd ogni strada

Gira nevv del la pubia nel vent
e recordi i muntagn indue serum
semper nunc e insema curevum
cume fann i fiulit, sensa pena

Biegrass, dudes de màgg domilaedesnov

 

 

 

 

5 pensieri su “El merlu

  1. On badee ch’el voeur fà de sapientôn
    el se toeu subet via per on badee;
    ma on omm de coo ch’el voeur parè minciôn
    el se mett anca luu in d’on bell cuntee!

    Alessandro Manzoni
    (i suoi unici versi in milanese)

  2. Biaa (ciamaa anca Biegrass o Biagrass; Abbiategrasso in Italian; Abiatum ò Habiate in Latin) l’è on comun de la Provincia de Milan cont 32 585 abitant. Anca se ‘l gh’ha minga tròpp abitant, a l’è el comun pussee grand (per superfis) de la Provincia dòpo el capploeugh. L’è gemellaa con duu comun d’Europa: Langres, in Francia e Ellwangen, in Germania.
    A Biagrass, in tanti parlen ancamò la lengua lombarda-insubra.

    da Wikipedia

  3. lol

    Ma non essendo io di Abbiategrasso, il loro dialetto ha un suono che insulta le mie orecchie, in quanto leggermente eppur distintamente diverso dal milanese di Milano; loro parlano un po’ come i magentini, che sono ancora peggio.

    Per intenterci, ad Abbiategrasso dicono “sberlònn” invece che “sberlùnn” … un delirio cacofonico per chi è milanese da generazioni …

    • Alle superiori, parlo delle scuole, si andava a Modica, centro scolastico intercomunale, così in classe c’erano loro, i modicani, noi, gli ispicesi, e gli altri, i pozzallesi, gli sciclitani, i ragusani. Certo, ci si capiva, ma quante differenze e non solo di accenti: ecco, noi ispicesi dicevamo ciòu (chiodo); i modicani chiou. Un indurimento sgradito alle orecchie degli ispicesi e certamente gli altri avevano la loro variante. Tutti si era a una dozzina di chilometri, mediamente, distanti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...