vita c’ fu

vita c’ fu

l’ paisi iera n’ cusa sula c’ l’ tanti armali n’ l’
casi
l’ matina
s’aprianu l’ staddi e l’ majazzeni ma
ancu
l’ cammiri
abbitati
p’
fari
sciri
jaddini
majali pecuri e capri liati
i cavaddi
l’ scecchi i
muli
sciano
inveci
p’ purtari l’ommini n’ l’ campi
cui carretti carichi
o supra la gruppa
bardati
d’ massarizi e d’ cristiani

‘ccussì
tuttu l’ jornu
comu
n’ prisipi
viventi
tuttu l’annu
a cielu apertu
cristiani e armali sempri ‘nsemmula a stari

cuannu arrivavanu pirsuni ippurtanti
pirsunalità d’ spiccu
allura
l’ sinnicu
facia banniari l’eventu
p’ avvisari d’
ritirari
l’armali
e tiniri netta l’ strata
p’ tuttu l’ tiempu c’accurria e

l’ banniaturi
bardatu
d’ tamburino c’ l’
bacchetti
rataplannu rataplannu
cuntinuamenti
p’ tutti l’ strati dicia
pussenti
stuppannu s’ll’attenti commu n’ surdatinu l’
mani
a jmmutu
riggidu commu n’ vastuni e
cumpitu

fimmini fimmini
vanniava forti
sintiti sintiti
iè l’ sinnicu c’ vi l’ dici e manna a mia
d’ dumani
e finu a novu avvisu
l’armali
non
ponnu
sciri
e l’ strati l’ duviti nittari puliti puliti
fimmini fimmini iè l’ sinnicu c’ vi l’ dici e
s’arraccumanna
ranni

cuannu
addumanna una c’ nun sintiu giustu

d’ dumani
cummaruzza mia
e
finu
a novu avvisu

e picchì

veni l’ prefettu ippersona

e che c’ ne fotte a nui
sbotta l’ cummaruzza annannusi sautannu ‘ntrubuliata

‘ccussì camminannu p’ tuttu l’ paisi vannianu a ogni cantuni
l’ zì tanu
cumpitu cumpitu c’
lu sinnicu stissu l’avia cumandatu
si
guadagnava
la ministra p’ l’ sira e
ancu

n’ biccheri d’ vinu e iera l’ so’ campari ‘mpurtanti



vita che fu

il paese era una cosa sola coi tanti animali nelle
case
la mattina
si aprivano
le stalle e i magazzini ma
anche
le camere
abitate
per
fare
uscire
galline
maiali pecore e capre legati
i cavali
gli asini i
muli
uscivano
invece
per portare gli uomini nei campi
coi carretti carichi
o sopra la groppa
bardati
di masserizie e di cristiani

così
tutto il giorno
come
un presepe
vivente
tutto l’anno
a cielo aperto
cristiani e animali sempre insieme a stare

quando arrivavano persone importanti
personalità di spicco
allora
il sindaco
faceva annunciare l’evento dal banditore
per avvisare
di ritirare gli animali
e tenere pulita la strada
per tutto il tempo che occorreva e

il banditore
bardato
di tamburino con le
bacchette
rataplanando rataplanando
continuamente
per tutte le strade diceva
possente
fermandosi sull’attenti come un soldatino le
mani
ad imbuto
rigido come un bastone e
compito

femmine femmine
gridava forte
sentite sentite
è il sindaco che ve lo dice e manda me
da domani
e fino a nuovo avviso
gli animali
non
possono
uscire
e le strade le dovete tenere pulite pulite
femmine femmine è il sindaco che ve lo dice e
si raccomanda
assai

quando
chiede una che non ha sentito bene

da domani
comari mia
e
fino
a nuovo
avviso

e perché

viene il prefetto in persona

e che ce ne fotte a noi
sbotta la comare andandosene saltellando irritata

così camminando per tutto il paese gridando ad ogni cantone
lo zio tano
compito compito che
lo stesso sindaco lo aveva comandato
si guadagnava
la minestra per la sera e
anche

un bicchiere di vino ed era il suo campare in modo importante

11 pensieri su “vita c’ fu

  1. Che storia!!! Parli d8 vita vissuta nella tua terra di origine? Altrimenti non potresti conoscere così bene il dialetto addirittura da scriverlo!!! Premetto, non ho capito che dialetto è, personalmente sono negata per i dialetti, non conosco neppure il mio anzi i mi3i: quello nativo e quello di residenza. Buonanotte 😊

    • A lavoro, or sono molti anni e moltissimi anni dopo l’essere di Milano cittadina, “ma lei è di Carlentini?”, (Carlentini è un comune della provincia di Siracusa e io sono ragusana, come dire: a un tiro di schioppo), mi chiese una cliente.

      Anche io sono negata ai dialetti, pur conservando, indelebilmente, i suoni vocalici da cui provengo. Il mio “ragusano” scritto è una invenzione fonetica, volgarizzando l’italiano in quel dialetto. Anzi, le elisioni monosillabiche, che io ho usato, sono, in alcuni casi, sicuramente scorrette.

      Ti ringrazio per la tua gradita attenzione e ti abbraccio affettuosamente.

  2. Scorci del passato, belli. Ho provato a leggerlo in dialetto… con scarsissimo successo. Buona giornata 🙂

    • Si, le fonetiche dialettali (ma anche quelle nazionali) non sono per tutti: solo chi possiede qualità di imitazioni ci riesce; io non le possiedo.

      Qui mi sono limitata a volgarizzare l’italiano secondo la fonetica del mio dialetto ragusano. È, quindi, un falso dialetto.

      Grazie per la tua attenzione e, anche a te, un abbraccio affettuoso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...